20.3 C
Roma
05/07/2022
Lavoro e Previdenza

Ambiente di lavoro tossico, 7 indizi per individuarlo

Un ambiente di lavoro tossico prosciuga l’energia per la tua vita personale e professionale.
abbiamo tutti qualche brutta giornata, una settimana impegnativa e persino dei mesi deludenti. questa è la natura ciclica di una carriera professionale.

Tuttavia, siamo in grado di superare una brutta giornata, oppure sopravvivere a una settimana impegnativa o imparare lezioni preziose da un mese deludente.
Un ambiente di lavoro tossico è più di un semplice lavoro che “odi”.
Un ambiente di lavoro tossico genera disordine, competizione, morale basso, stress costante, negatività, malattie, alto turnover e persino bullismo.
Inoltre, ti segue a casa. Prende il controllo delle tue emozioni, ti ruba il sonno, ti causa preoccupazione e stress, perfino l’esaurimento.
Questo articolo ti aiuterà a capire se i tuoi problemi di lavoro sono il risultato di stress da lavoro generalizzato o qualcosa di peggio, cioè un ambiente tossico da evitare.

1) Cattiva comunicazione
Una comunicazione insufficiente, confusa o dispersa è la causa di tanti problemi sul posto di lavoro. Ecco alcuni esempi di cattiva comunicazione.
• Costante mancanza di chiarezza sugli obiettivi e sui valori dell’organizzazione;
• Diversi dipendenti che ricevono messaggi diversi;
• Comunicazione passivo-aggressiva;
• Mancato ascolto da parte dei responsabili:
Una cattiva comunicazione spesso porta a confusione e mancanza di scopo per i dipendenti. Da qui, i problemi sorgono e si aggravano, portando spesso ai successivi altri indizi.

2) Combriccole, esclusioni e pettegolezzi
Sappiamo tutti che aspetto ha una combriccola. È un gruppo di persone, sia al lavoro che a scuola, che si unisce, prende il caffè insieme, ride alle loro stesse battute e, generalmente, esclude chiunque è al di fuori della loro cerchia affiatata.
In poche parole, le combriccole sono controproducenti sul posto di lavoro. Anche se avere amici e conoscenti sul posto di lavoro è positivo, è meglio evitare qualsiasi comportamento che può essere “da combriccola”
Ecco alcuni segnali di avvertimento:
• Costante sensazione di esclusione da un gruppo di persone;
• Un gruppo particolare che pranza, prende il caffè e organizza aperitivi insieme;
• I progetti vengono spesso offerti a un particolare gruppo, indipendentemente dal talento o dall’esperienza;
• Gran parte della giornata lavorativa è trascorsa chattando su piattaforme di messaggistica.
Se riconosci che il comportamento da combriccola include anche dipendenti di livello dirigenziale, allora questo è quanto di più tossico possibile.

3) Cattiva leadership
C’è il vecchio detto: “Non lasci un lavoro, ma lasci un cattivo capo”. Una cattiva leadership può infiltrarsi in ogni fibra di un’organizzazione, e spesso accade.
A volte un cattivo capo è il prodotto del suo cattivo capo, e così via. È questa gerarchia di cattivi capi che rende l’intero ambiente di lavoro decisamente tossico.
I cattivi capi indossano una varietà di cappelli. Potresti avere il “micro-manager”, che ti corregge costantemente, mina le tue decisioni e alla fine ti impedisce di fare il tuo lavoro.
Potresti avere il capo “scarica-barile” che è pronto a incolpare chiunque, tranne sé stesso. Oppure, potresti essere abbastanza fortunato da avere il capo “Nessun rispetto”, che invia e-mail a tutte le ore, dimentica come si scrive il tuo nome e probabilmente non sa nemmeno cosa fai.

4) Dipendenti non motivati
Quando ti ritrovi in un posto di lavoro pieno di colleghi non motivati, ne pagherai le conseguenze:
• Sostieni un sacco di lavoro che loro non stanno gestendo e ti ritrovi esaurito;
• La loro mancanza di motivazione ti farà arrabbiare e la rabbia ti danneggerà.
Proprio come i tuoi colleghi possono ispirarti a lavorare di più, essere migliore e creare nuove idee, allo stesso modo, se non motivati, possono logorarti.
Qualunque sia la causa, se tutti intorno a te non sono motivati, sei in un ambiente di lavoro tossico.
Sfortunatamente, a meno che tu non sia in una posizione di leadership, questo problema è indicativo di problemi molto più grandi ed è improbabile che tu impari o cresca in questo ambiente.

5) Crescita professionale soffocata
A proposito di crescita, se non la stai sperimentando, il tuo ambiente di lavoro potrebbe essere tossico, anche se è solo tossico per te.
Se il tuo ambiente di lavoro non sembra offrirti mobilità, opportunità di apprendimento o tutoraggio, è probabile che non investa nella crescita dei propri dipendenti. Una volta che hai riconosciuto che non sei in un ambiente dove crescere, potrebbe essere il momento di cambiare lavoro.

6) Non c’è equilibrio tra lavoro e vita privata
L’equilibrio tra lavoro e vita privata è essenziale per la sopravvivenza. Nessun essere umano dovrebbe essere sempre in servizio. Se il tuo lavoro richiede che tu sia sempre reperibile, è tossico. Se il tuo capo ti chiede di rispondere alle e-mail a metà sabato, ogni sabato, il tuo lavoro è tossico.
Sì, a volte le cose accadono in orari inopportuni. Tuttavia, se lavori con l’aspettativa di essere sempre disponibile per il lavoro, il tuo lavoro (secondo il mio modesto parere) è spazzatura tossica.
Un buon modo per evitare questi tipi di luoghi di lavoro tossici è stabilire dei limiti. Se i tuoi limiti non sono soddisfatti, o almeno riesci a raggiungere un compromesso, probabilmente l’ambiente non fa per te.

7) Innesca una sensazione istintiva negativa
Quando mangi cibo avariato o troppe caramelle, il tuo stomaco è il tuo miglior segnale di avvertimento. Allo stesso modo, se il tuo istinto, o la tua pancia, ti dicono che il tuo posto di lavoro è pessimo, probabilmente
lo è.

Conclusioni
Tutto quanto esposto, pone la domanda: chi o cosa è responsabile della tossicità sul posto di lavoro? Chi dovrebbe essere ritenuto responsabile? È colpa dei manager tossici? È causato da un elevato turnover che interrompe il funzionamento dei team?
Gli individui a ogni livello di un’organizzazione possono contribuire alla tossicità sul posto di lavoro.
La tossicità può iniziare con leader aziendali, cattivi manager o dipendenti disinteressati. Spesso sono tutti e tre in una volta.
Proprio come chiunque può creare tossicità, chiunque può anche risolvere il problema. Come ho detto prima, tutti noi abbiamo la possibilità di scegliere se alimentare o meno quella tossicità. Possiamo scegliere di soffrire o di fare qualcosa per il problema. Se non c’è la facciamo allora è meglio trovare un ambiente più adatto ai nostri valori, alle nostre esigenze e alle nostre capacità.

Pasquale Troianiello
www.sviluppoleadership.com

Articoli Correlati

La sfida post Covid: Welfare Comunitario e buone prassi per una economia sociale e solidale

Redazione

Riscatto di periodi non soggetti ad obbligo contributivo: stop al 31 dicembre (salvo proroghe)

Redazione

Il NUOVO Reddito di Cittadinanza

Redazione