13.7 C
Roma
07/10/2022
Lavoro e Previdenza

Cambia la legge 104. Diritto di assistenza riconosciuto a più persone.

Stabilita la condivisione della responsabilità di cura tra uomini e donne e la parità di genere in ambito lavorativo e familiare.

Con il decreto legislativo 30 giugno 2022, n. 105 si è data definitivamente attuazione alla direttiva della UE 1158/2019 relativa all’equilibrio tra attività professionale e vita familiare, per migliorare la “conciliazione tra attività lavorativa e vita privata per i genitori e i prestatori di assistenza, al fine di conseguire la condivisione delle responsabilità di cura tra uomini e donne e la parità di genere in ambito lavorativo e familiare. Nell’ottica della piena equiparazione dei diritti alla genitorialità e all’assistenza, i congedi, i permessi e gli altri istituti oggetto del presente decreto, salvo che non sia diversamente specificato, sono direttamente applicabili anche ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni.”

Questo decreto, con riferimento alla disabilità, è importante soprattutto perché modifica in modo sostanziale la legge 104 del 5 febbraio 1992, stabilendo il divieto di discriminare o riservare un trattamento meno favorevole, ai lavoratori che chiedono di usufruire dei benefici, concessi ai lavoratori medesimi, in relazione alla condizione di disabilità proprio di coloro ai quali viene prestata assistenza e cura.

Inoltre si stabilisce che: “La lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre, anche adottivi, di minore con disabilità in situazione di gravità accertata, possono chiedere ai rispettivi datori di lavoro di usufruire, in alternativa al prolungamento fino a 3 anni del congedo parentale di cui all’articolo 33 del decreto legislativo 6 marzo 2001, n. 151, di due ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del terzo anno di vita del bambino.»; ed ancora, il comma 3 prevede che: « Il lavoratore dipendente, pubblico o privato, ha diritto a fruire di tre giorni di permesso mensile retribuito coperto da contribuzione figurativa, anche in maniera continuativa, per assistere una persona con disabilità in situazione di gravità, che non sia ricoverata a tempo pieno, rispetto alla quale il lavoratore sia coniuge, parte di un’unione civile,  convivente di fatto, parente o affine entro il secondo grado. In caso di mancanza o decesso dei genitori o del coniuge o della parte di un’unione civile o del convivente di fatto, ovvero qualora gli stessi siano affetti da patologie invalidanti o abbiano compiuto i sessantacinque anni di età, il diritto è riconosciuto a parenti o affini entro il terzo grado della persona con disabilità in situazione di gravità. Fermo restando il limite complessivo di tre giorni, per l’assistenza allo stesso individuo con disabilità in situazione di gravità, il diritto può essere riconosciuto, su richiesta, a più soggetti tra quelli sopra elencati, che possono fruirne in via alternativa tra loro. Il lavoratore ha diritto di prestare assistenza nei confronti di più persone con disabilità in situazione di gravità, a condizione che si tratti del coniuge o della parte di un’unione civile, o del convivente di fatto o di un parente o affine entro il primo grado o entro il secondo grado qualora i genitori o il coniuge della persona con disabilità in situazione di gravità abbiano compiuto i 65 anni di età oppure siano anch’essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti.»”

Ad interpretazione di questo decreto l’INPS con il messaggio 3096 del 05-08-2022, evidenzia come sia stato introdotto, tra coloro che possono fornire assistenza, e quindi avere diritto alla concessione del congedo, il convivente di fatto di cui all’articolo uno comma 36 della legge 20 maggio 2016 numero 76, e che il congedo in esame spetta anche nel caso in cui la convivenza sia stata restaurata successivamente alla richiesta dello stesso congelo.  Conseguentemente – precisa l’INPS- a fare data dal 13 agosto 2022 è possibile usufruire del congedo in esame secondo il seguente ordine di priorità:

  1. il coniuge convivente/la parte dell’unione civile convivente/il convivente di fatto di cui all’articolo 1, comma 36, della legge n. 76/2016, della persona disabile in situazione di gravità;
  2. il padre o la madre, anche adottivi o affidatari, della persona disabile in situazione di gravità, in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente/della parte dell’unione civile convivente/del convivente di fatto di cui all’articolo 1, comma 36, della legge n. 76/2016;
  3. uno dei figli conviventi della persona disabile in situazione di gravità, nel caso in cui il coniuge convivente/la parte dell’unione civile convivente/il convivente di fatto di cui all’articolo 1, comma 36, della legge n. 76/2016 ed entrambi i genitori del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  4. uno dei fratelli o sorelle conviventi della persona disabile in situazione di gravità nel caso in cui il coniuge convivente/la parte dell’unione civile convivente/il convivente di fatto di cui all’articolo 1, comma 36, della legge n. 76/2016, entrambi i genitori e i figli conviventi del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  5. un parente o affine entro il terzo grado convivente della persona disabile in situazione di gravità nel caso in cui il coniuge convivente/la parte dell’unione civile convivente/il convivente di fatto di cui all’articolo 1, comma 36, della legge n. 76/2016, entrambi i genitori, i figli conviventi e i fratelli o sorelle conviventi siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti.

Carlo Fantozzi

Articoli Correlati

Il Patronato e le tecnologie al servizio dei cittadini

Redazione

COLF e BADANTI Come scongiurare il calvario giudiziario alla conclusione del rapporto di lavoro

Redazione

Le 7 C della Comunicazione Efficace

Redazione