11.8 C
Roma
20/04/2024
Lavoro e Previdenza

Disability card. Un nuovo metodo per garantire alle persone con disabilità uguali opportunità

Spesso, quando le persone con disabilità, si trovano in centri commerciali o si rivolgono ad una concessionaria per l’acquisto di un’auto adattata, per poter far valere i propri diritti, ossia per poter chiedere l’applicazione dell’iva ridotta al 4%, o ancora, quando si tratta di chiedere sconti per viaggi o più semplicemente, per cultura o tempo libero, ossia per teatro o per cinema, o in tutte quelle situazioni in cui teoricamente il disabile ha diritto ad un trattamento personalizzato, quelle persone, sono costrette a mostrare documentazione cartacea, verbali o comunicazioni varie dell’istituto per la previdenza sociale che attestino lo stato di invalidità.
L’unione Europea, partendo dal presupposto che attualmente, tra gli Stati membri, non esiste il riconoscimento reciproco dello Stato di disabilità, in quanto è uno status certificato da commissioni mediche o di organismi interni che definiscono le condizioni del disabile, quindi, preso atto che ci troviamo di fronte ad una situazione che di fatto crea molti disagi alle persone con disabilità, con la collaborazione di 8 paesi piloti: Belgio Cipro Estonia Finlandia Malta e naturalmente Italia, ha realizzato un progetto finalizzato all’inclusione generale nell’intera Unione.
Quindi, partendo dal presupposto innanzi detto, l’obiettivo del progetto è proprio quello di consentire il riconoscimento reciproco dello status di disabilità in tutti gli Stati membri. Il risultato è stato l’introduzione di un nuovo sistema di identificazione denominato Disability card e finalizzato a garantire l’inclusione a tutte le persone con disabilità.
Si tratta di una, Carta Europea della Disabilità valida per tutta l’Europa e rilasciata da tutti gli Stati europei. Con questa nuova tessera che accompagnerà di fatto la carta d’identità delle persone disabili non ci sarà più bisogno di avere con sé certificati o certificazioni varie. Proprio come una carta di credito o altre smartcard la Disability card consentirà l’accesso alle informazioni individuali e di conseguenza renderà più semplice la vita delle persone disabili.
Si tratta di una vera e propria rivoluzione per gli italiani, sono oltre quattro milioni, che hanno un’invalidità compresa dal 67 al 100%.
La gestione di questa Carta Europea per la Disabilità è stata demandata all’INPS.
Per poterla ottenere, i cittadini devono essere muniti di Speed o di CIE carta di identità elettronica. Devono accedere nell’apposito spazio riservato al rilascio della carta, fornire le proprie generalità e chiedere l’invio al domicilio. È un servizio completamente gratuito ed è valida per 10 anni, al termine dei quali, una volta verificati i requisiti potrà essere chiesto il rinnovo.
Come una comune carta d’identità sarà composta dalle generalità, dalla fototessera e dal QR code che, come detto, consentirà di poter rilevare lo stato di disabilità.
Non è una carta statica, infatti, secondo il progetto, sarà una carta dinamica, più specificatamente, sarà una carta che dovrebbe contenere anche l’indicazione delle aziende, che forniscono servizi a condizioni particolari e vantaggiose per le persone con disabilità; quindi, sarà un contenitore di servizi e benefit.

Carlo Fantozzi

Articoli Correlati

DONNE IMMIGRATE

Redazione

Formazione, Politiche Attive del Lavoro, Terzo settore

Redazione

Il ruolo sociale dell’Ispettorato del lavoro

Redazione