25 C
Roma
23/07/2024
Lavoro e Previdenza Primo Piano

Sette tecniche supportate scientificamente per liberarti dalla dipendenza dei social media

La dipendenza dai social media è un vero problema per molte persone. Può essere difficile liberarsi dalla presa che i social media hanno su di noi, e può essere ancora più complicato, prima ancora, prevenire la dipendenza.

In questo articolo, discuteremo di sette modi supportati dalla ricerca per prevenire la dipendenza negli utenti dei social media. Se usi i social media, questi suggerimenti ti aiuteranno a rimanere in salute ed evitare la dipendenza!

Perché i social media creano dipendenza?

Capire perché i social media creano dipendenza può aiutare a prevenire o fermare la dipendenza da loro.

Le piattaforme di social media utilizzano potenti algoritmi che analizzano il comportamento degli utenti, creando un ciclo di feedback che mantiene le persone coinvolte. Ciò porta spesso al “doom scrolling”, in cui gli utenti sono intrappolati in un ciclo infinito di contenuti personalizzati.

Ad esempio, se segui influencer o siti che parlano di animali domestici, sicuramente troverai il tuo feed pieno di contenuti di negozi online o articoli relativi agli animali domestici. Questi contenuti iper-rilevanti mantengono gli utenti coinvolti, ma possono anche portare a modelli di consumo che creano dipendenza.

La natura avvincente dei social media deriva dalla precisione di questi algoritmi, che comprendono e prevedono le preferenze degli utenti, garantendo un flusso continuo di contenuti coinvolgenti. Ciò crea l’illusione di un’esplorazione infinita e alimenta la paura di perdersi qualcosa.

Immagina di scorrere un mondo di contenuti su misura per i tuoi interessi, dove un clic su un articolo o un argomento che ti interessa potrebbe portare alla scoperta di nuovi marchi, tendenze o persino comunità che condividono passioni simili.

Essere consapevole di come funzionano questi algoritmi può aiutarti a riconoscere e controllare le tue abitudini sui social media.

Cos’è la dipendenza dai social media e quanto è diffusa

La dipendenza dai social media è definita come un uso eccessivo dei social media che porta a conseguenze negative nella vita di una persona. Queste conseguenze negative possono includere problemi con le relazioni, il lavoro, la scuola e la salute mentale. Una ricerca ha scoperto che il 30% degli studenti è dipendente social media, perché la maggior parte degli studenti utilizza i social network per trovare recensioni sui servizi, compresi quelli che aiutano a scrivere articoli, saggi o riassunti.

Sebbene l’esatta prevalenza della dipendenza dai social media sia sconosciuta, si ritiene che essa sia abbastanza comune. Da un sondaggio condotto tra i giovani adulti negli Stati Uniti è emerso che quasi il 20% degli intervistati ha dichiarato di essere “dipendente” dai social media. Statistiche recenti confermano inoltre che 210 milioni di persone soffrono di dipendenza dai social media, ovvero circa il 30% degli utenti dei social media. Ad esempio, uno studio condotto su studenti universitari turchi ha rilevato che il 35% è dipendente dai social media.

Inoltre, la dipendenza dai social media è più comune nelle donne che negli uomini, ed è più comune tra i giovani adulti.

Modi utili per prevenire o ridurre la dipendenza dai social media

Come già anticipato, di seguito alcune tecniche, consigliate da specialisti del comportamento umano, che vanno praticate allo scopo di ridurre e prevenire la dipendenza dai social media.

1 –    Stabilisci limiti di tempo per l’utilizzo dei social media

Uno dei modi migliori per prevenire la dipendenza è stabilire dei limiti al tempo che trascorri sui social media. Cerca di limitarti a 30 minuti al giorno o meno. Se scopri che stai dedicando più tempo, prova a ridurne ulteriormente l’utilizzo. Puoi anche impostare dei limiti utilizzando i social media solo in determinate ore del giorno o in determinati giorni della settimana. Ad esempio, potresti permetterti di utilizzare i social media per 30 minuti la sera, dopo il lavoro o a scuola.

Esistono diversi modi per impostare limiti di tempo per l’utilizzo dei social media come utilizzare un timer o scaricare un App che monitorerà il tuo utilizzo e limiterà il tuo accesso.

2 –    Evita di utilizzare i social media quando ti senti giù

Se ti senti triste, arrabbiato o ansioso, evita di utilizzare i social media. Queste emozioni possono peggiorare la dipendenza. I social media possono essere un fattore scatenante di queste emozioni e possono anche peggiorarle. Se ti senti giù, prova a fare qualcos’altro che ti faccia sentire meglio, come parlare con un amico, fare una passeggiata o ascoltare musica. Ad esempio, se ti senti in ansia per un test, invece di scorrere i social media, prova a studiare per il test.

A volte, chiedere aiuto sotto forma di trattamento specialistico può essere la soluzione migliore per affrontare l’ansia o la depressione.

3 –    Sii consapevole dei fattori scatenanti che ti spingono a utilizzare i social media

Ci sono alcune cose che possono scatenare la voglia di usare i social media. Ad esempio, la noia, la solitudine o la procrastinazione. Se sai quali sono i fattori scatenanti, puoi essere più preparato a evitarli. Quando sei annoiato, prova a leggere un libro o a fare una passeggiata. Quando ti senti solo, chiama un amico o un familiare. E quando procrastini, prova a concentrarti sul compito da svolgere invece di scorrere i social media. Inoltre, essere consapevoli dei fattori scatenanti può aiutarti a essere più attento all’utilizzo dei social media in generale.

4 –    Trova altre attività da svolgere invece di utilizzare i social media

Quando senti il bisogno di usare i social media, prova a fare qualcos’altro. Trovando altre attività da svolgere, puoi evitare del tutto di utilizzare i social media. Inoltre, molti dei trigger dei social media includono persone o pagine che segui. Questi ultimi possono essere particolarmente insidiosi quando si trasformano in camere di eco che promuovono schemi di pensiero dannosi. Se ti ritrovi soffocato dalla loro influenza, hai sempre la possibilità di bloccare o segnalare contenuti dannosi. Dovresti anche concentrarti su contenuti che ti parlino davvero e ti costruiscano, oltre a essere semplicemente divertenti o “chiacchiere di città”.

Va detto che questo non è un invito a “bandire” i social media dalla tua vita. È un modo fantastico per rimanere in contatto con i propri cari e gli amici lontani o impegnarsi nei propri interessi. Ricorda solo che non puoi sostituire la comunicazione di persona.

5 –    Fare jogging o sport per riparare il corpo e la mente

Quando sei dipendente dai social media, potresti trascurare le cose reali e gli amici. Allo stesso tempo, la vista e la colonna cervicale soffriranno inevitabilmente quando si utilizza a lungo i social media con il cellulare e il computer. Una corretta attività fisica può aiutarti a impegnarti nella vita reale senza intoppi e la giusta intensità di esercizio può anche far sì che il tuo corpo ottenga un buon allungamento.

La corsa è un esercizio iniziale perfetto per la maggior parte delle persone, non richiede esercizi di base a lungo termine, solo un paio di scarpe da corsa per iniziare. Fare jogging 3-5 volte a settimana ti darà grandi vantaggi. Inoltre, mentre corri, puoi trovare nuovi amici, unirti al gruppo di corsa della tua comunità e partecipare ad alcune gare di corsa, che renderanno il tuo esercizio di corsa più interessante. Anche se ritieni che una maratona o la mezza maratona siano molto difficile da completare, puoi anche partecipare ad alcune gare di corsa a breve distanza come i 5 km.

Corri e lascia che la brezza della corsa spazzi via le tue distrazioni e risvegli la tua energia mentale e la tua concentrazione. Libera lo stress e goditi la bellezza della vita con gli amici nello sport.

6 –    Non paragonarti agli altri

Uno dei maggiori fattori scatenanti della dipendenza dai social media è il confronto con gli altri. Quando vedi la vita di altre persone sui social media, è facile confrontarti con loro. Tuttavia, è importante ricordare che ciò che vedi sui social media non è sempre una rappresentazione accurata della realtà. Le persone pubblicano solo le parti migliori della loro vita sui social media e spesso modificano o filtrano le proprie foto. Quindi non confrontare la tua vita con ciò che vedi sui social media. Non è un paragone giusto.

Ricorda che i social media non sono uno specchio preciso della realtà. Il contenuto che trovi è per lo più manipolato, mostrando solo il positivo per vendere un’idea o il negativo per forzare una reazione. Invece di usare questo mezzo come una cartina di tornasole dura e irrealistica per la tua identità, dovresti usarlo come un’estensione di come vuoi vivere la tua vita.

Perché non condividere le cose belle che accadono nella tua vita, non importa quanto piccole possano sembrare? Cosa rende felici te e le persone a te care? Cosa ti appassiona? Mettere questi aspetti in primo piano può rendere la tua esperienza sui social media più favorevole a uno stile di vita più sano.

7 –    Stabilisci i confini con i social media

È importante stabilire dei limiti con i social media. Ad esempio, oltre a fissare il tempo di utilizzo, potresti anche impostare dei limiti su chi segui e cosa vedi. Ad esempio, potresti smettere di seguire chiunque pubblichi regolarmente contenuti negativi o provocanti. Stabilendo dei limiti, puoi controllare il tuo utilizzo dei social media invece di lasciare che siano loro a controllare te. Inoltre, non dimenticare di darti un po’ di merito per aver seguito i tuoi limiti.

PER CONCLUDERE: PRENDITI UNA PAUSA DAI SOCIAL MEDIA.

Se rimanesse la tua difficoltà a controllare l’utilizzo dei social media, potrebbe essere utile prenderti una pausa. Ciò significa eliminare le app dal tuo telefono o disattivare il tuo account per un periodo di tempo. Potrebbe sembrare spaventoso prendersi una pausa dai social media, ma può essere molto utile. Questo ti darà la possibilità di reimpostare il tuo rapporto con i social media e di concentrarti su altre cose. Se scopri che non puoi vivere senza i social media, va bene e ti renderà sicuro ti te. Sii solo consapevole di quanto tempo ci dedichi e cerca di limitarti.

Pasquale Troianiello
www.sviluppoleadership.com

Articoli Correlati

La tutela dei diritti dei minori: la European Child Guarantee e la sperimentazione del modello italiano

Redazione

Trimestre anti-inflazione

Redazione

La Giustizia civile che verrà

Redazione