-11.2 C
Roma
25/02/2024
Primo Piano

Brexit, cosa cambia per l’Unione Europea

Anno nuovo Europa nuova.
Il Regno Unito dal primo gennaio di quest’anno, dopo un lungo tira e molla e l’accordo commerciale stipulato il 24 dicembre scorso, è uscita definitivamente dall’Unione Europea. Londra è dunque fuori dall’Europa dopo aver raggiunto un accordo che possiamo definire di “buon vicinato”.

L’accordo sulla relazione futura tra l’Unione Europea e il Regno Unito, il Trade and Cooperation Agreement, ratificato il 30 dicembre 2020 dalla Camera dei Comuni, mette la parola fine a una saga di oltre 4 anni e mezzo che ha cambiato per sempre la vita a milioni di cittadini britannici ed europei residenti nel Regno Unito, tra cui anche la mia. Finisce la libera circolazione dei cittadini: da domani sarà molto più difficile se non impossibile per centinaia di migliaia di giovani italiani trasferirsi nel Regno Unito per imparare la lingua mantenendosi con lavori manuali.

Giusto aver trattato sino all’ultimo minuto per evitare il no deal, in questa maniera l’Italia mantiene così intatto l’accesso al suo secondo mercato per saldi attivi (un surplus di oltre 22 miliardi di euro). Londra mantiene l’accesso ai programmi di ricerca europei, ottiene l’esclusione della Corte Ue nelle dispute con Bruxelles sugli aiuti di stato – ma non per le questioni commerciali dell’Irlanda del Nord – cede sui diritti di pesca e lascia il programma Erasmus, una scelta sbagliata e ideologica fatta soprattutto sulle spalle dei giovani britannici. Bene l’accordo in tema di patenti, visti e assicurazione sanitaria, un peccato invece la fine del riconoscimento automatico delle qualifiche professionali. Tutto sommato un buon accordo, anche se non potrà mai sostituire i vantaggi di una completa adesione all’UE, come è giusto che sia.
Ma in un mondo multipolare caratterizzato dalla rapida ascesa di dittature, è fondamentale mantenere un forte legame tra paesi liberi e democratici e per questo saluto con favore le concessioni che entrambe le parti hanno fatto nelle ultime settimane per arrivare all’accordo.

Al Regno Unito buona fortuna e arrivederci, senza rancore. Adesso invece avanti tutta nella costruzione degli Stati Uniti d’Europa con chi rimane e crede davvero nel progetto.

Massimo Ungaro
Deputato di Italia Viva
per la Circoscrizione Estero-Europa

Articoli Correlati

Convegno Nazionale 27 maggio 2022: Politiche attive del lavoro, bisogna crederci

Redazione

Dove va la giustizia?

Redazione

Italia Quintessenza del Turismo Luxury

Redazione