10 C
Roma
18/05/2021
Primo Piano

Ritrovare la fiducia in sé stessi durante e dopo la pandemia

In questo periodo pandemico ti senti sospeso e sei tra quelli che non hanno la fiducia in sé stessi per il futuro?
Se ti senti così, non preoccuparti è normale: tante persone come te stanno provando gli stessi sentimenti!
La paura della pandemia dovuta al Covid-19, il cosiddetto “lockdown” del 2020, i vari cambiamenti di colore delle zone regionali o locali, per potersi muovere o fare delle attività, secondo certi criteri diversi in base al colore della zona, ha lasciato molti con una scarsa fiducia in sé stessi.
Alcuni stanno lottando per trovare l’auto-motivazione nel continuare ad andare avanti con una buona fiducia in sé stessi, senza pensare a qualche cara persona che è venuta a mancare causa virus. Altri, come ristoratori, negozianti al dettaglio, artigiani e simili, stanno lottando per riuscire poter lavorare dignitosamente senza fallire, e qui, la fiducia in sé stessi deve essere al massimo, altrimenti si rischia di perdere la testa e di fare delle azioni spropositate, dannose per sé o per le altre persone. Altri ancora, sono ansiosi perché non sanno cosa succederà quando finirà lo stop ai licenziamenti, se avranno ancora il posto di lavoro assicurato, oppure no.
Per tale motivo il benessere psico-fisico delle persone, durante questo periodo pandemico e anche in quello immediatamente successivo, è qualcosa da considerare e ponderare fortemente, sia le per organizzazioni o aziende, che cercano di costruire la resilienza delle loro persone durante la crisi, sia per lo stato e la sanità pubblica, che purtroppo dovranno farsi carico di problemi come ansia, depressione, rabbia, alcolismo, aggressività e, purtroppo, povertà, che stanno accadendo, o accadranno.
Che stiano vivendo da soli o abbiano perso i contatti con amici e familiari, o siano stati licenziati o abbiano perso il lavoro, questa pandemia ha lasciato le persone con un ego maltrattato, una bassa autostima, una paura del futuro e una mancanza di fiducia in sé stessi, in quanto non più padroni del loro destino, come il vecchio positivismo aveva abituato tutti a pensare.
Cinque comportamenti per ritrovare la fiducia in sè stessi
Il Covid-19 ha creato una “tempesta perfetta di vulnerabilità” che un numero enorme di persone è stato mal preparato a gestire. Se ti senti ansioso e meno fiducioso a causa dell’impatto della pandemia, ci sono delle azioni positive che puoi intraprendere, unendoti al numero crescente di persone che hanno deciso di migliorare la propria autostima e la fiducia nel futuro.
Per aiutarti a uscire da questa crisi più forte di prima, se metti in pratica i cinque comportamenti seguenti, essi aumenteranno la tua autostima e ti permetteranno di riscoprire la tua identità. Di conseguenza, ti sentirai più motivato e fiducioso per gestire la tua vita.

le 5 azioni positive da intraprendere

1) Accetta la situazione e affronta solo le cose che puoi controllare
Sebbene gli scienziati di tutto il mondo hanno lavorando 24 ore su 24 per sviluppare un vaccino, in realtà alcune cose non stanno andando proprio come ci si aspettava, per cui nessuno di noi sa per quanto tempo dovremo aderire ai diversi livelli di restrizioni e lottare contro il virus.
Piuttosto che preoccuparti delle circostanze che non puoi controllare, concentrati sulle cose che puoi controllare. Questa mentalità ti aiuterà a ricostruire la tua fiducia.

2) Pratica la consapevolezza
Piuttosto che preoccuparti di come andranno le cose in futuro, concentrati sul vivere il presente. Anche se potrebbe non esserci molto da aspettarsi, praticare la consapevolezza ti aiuterà a raggiungere una mente calma e pacifica.
Puoi, ovviamente, ancora pianificare il futuro, fissare obiettivi e lavorare per raggiungere i tuoi obiettivi personali e aziendali: la pandemia non deve violare la tua immaginazione e la capacità di compiere passi positivi verso i risultati che desideri.
Poni domande a te stesso e cerca di capire i tuoi sentimenti. Una volta che conosci le ragioni dietro i pensieri negativi nella tua mente, praticare la consapevolezza può aiutarti a trasformarli in pensieri positivi.
Esistono innumerevoli modi per praticare la consapevolezza, ad es. yoga, meditazione guidata, alimentazione sana, esercizio fisico, terapie parlanti, ecc. Un altro metodo affidabile, se puoi, è cercare l’aiuto di un esperto.

3) Dedica qualche minuto a concentrarti sulle tue buone qualità
Quando fai qualcosa di cui sei orgoglioso, per quanto piccolo, fermati un minuto e concentrati su di esso. Prova a scrivere tre cose che apprezzi di te stesso. Può essere qualsiasi cosa, non solo grandi risultati: che sei un buon ascoltatore, che hai fatto sport, o che stai tenendo il passo con il tuo hobby. Fallo regolarmente e migliorerai il tuo rapporto con te stesso.

4) Circondati di persone di cui ti fidi
Lascia andare le persone nella tua vita che consumano la tua energia. Identifica invece quelle persone che ti motivano, ti amano, vogliono stare con te, magari condividendone anche le sofferenze, e trascorri del tempo di qualità con loro.
Il famoso esperto di crescita personale, Jim Rohn, ha detto: “Sei la media delle cinque persone con cui trascorri più tempo”.
Trascorrere del tempo con la famiglia e gli amici, ed esprimere i propri problemi può fornire supporto, sollievo e aumentare la propria fiducia. La distanza sociale e fisica è obbligatoria, ma ciò non significa che devi disconnetterti completamente dal mondo.

5) Impara a prosperare di fronte all’incertezza
Non lasciare che le paure e le preoccupazioni abbiano il sopravvento nella tua vita. Accetta l’incertezza che deriva da situazioni specifiche. E come ha detto Bertrand Russell, “Il problema del mondo è che gli stupidi sono così sicuri di sé, mentre gli intelligenti sono pieni di dubbi”.

Cosa puoi fare subito
Identifica i fattori scatenanti che alimentano la tua negatività.
Identificando i fattori scatenanti, puoi trovare modi per affrontarli, in modo da evitare di sentirti impotente. Identifica le condizioni che ti fanno sentire stressato e ansioso e studia come reagiscono il tuo corpo e le tue emozioni. L’accettazione è il primo passo verso la costruzione della fiducia. Quando verrai a patti con le tue emozioni e con i fattori scatenanti, praticando i 5 comportamenti esposti, imparerai a lasciarti andare, man mano, ti sentirai più fiducioso e guarderai al futuro in modo più tranquillo.
Buona fortuna!

Pasquale Troianiello
www.sviluppoleadership.com

Articoli Correlati

Legge di Bilancio n. 178/2020, una prima risposta per le donne e le famiglie

admin

Donne in Italia, disuguaglianze sempre più gravi

admin

Serve ripensare il nostro Servizio Sanitario

admin