20.3 C
Roma
05/07/2022
Italiani nel Mondo Rubriche

Oro giallo in Giappone

Si sa, ciò che invidiano gli altri Paesi dell’Italia sono i prodotti alimentari alla base della dieta mediterranea. Tra tutti quello che emerge è l’olio d’oliva, re di tutte le tavole italiane e non. Tanto amato e apprezzato anche in oriente tanto che l’ICE- Agenzia per la promozione all’estero e l’Internazionalizzazione delle imprese italiane ha scelto di organizzare nel mese di Novembre, in Giappone, l’evento denominato “Borsa olio extravergine d’oliva in Giappone 2021”. Secondo la IccJ – camera di commercio italiana in Giappone, l’Italia, con una quota del 37%, è il secondo Paese europeo (il primo è la Spagna con il 59%) per importazione di olio extravergine nel paese nipponico, primo consumatore tra i Paesi asiatici e l’ottavo più grande importatore al mondo di olio extra vergine d’oliva.

Negli ultimi cinque anni le importazioni in Giappone sono aumentate del 22% per arrivare nel 2019 ad un totale di 72.844 tonnellate di olio d’oliva per un valore di 35.331 milioni di yen (289,5 milioni di euro). L’89% del totale delle importazioni viene dall’Europa. L’evento, pensato in modalità phygital, è stato organizzato tra il 22 e il 25 Novembre a Tokyo e a Osaka (nell’area del Kansay), suddiviso in tre giorni con formula walk around e degustazione e caratterizzato da incontri B2B (business to business) con esperti del settore. La scelta di suddividerlo in due aree è stata dettata dal fatto che a Tokyo vi è una maggiore presenza di importatori, mentre a Osaka prevalgono gli operatori del settore ho.re.ca. (hotellerie-restaurant-café). Così facendo si è cercato di coinvolgere più persone possibile e di dare anche la facoltà di scegliere a quali giornate prendere parte.

Annalisa Iaconantonio

Articoli Correlati

Viaggio tra le Comunità straniere non comunitarie

Redazione

La ONG Protection4Kids ringraziata dalle Nazioni Unite per l’intervento umanitario in Bosnia Erzegovina

Redazione

Riaccendere la luce!

Redazione